Storytellers: un libro per raccontare la musica e le parole

Storytellers: un libro per raccontare la musica e le parole

Storytellers è una trasmissione che ha fatto la storia della TV e della musica internazionale. Una vetrina per gli artisti e un’occasione importante di approfondimento per gli appassionati. Uno degli aspetti affascinanti di Storytellers è infatti che “non è l’artista a doversi calare in un format televisivo, al contrario è la serata a prendere la forma dell’artista e a disegnarsi attorno alla sua personalità”. Non solo musica suonata ma anche arte e canzoni per lasciar emergere l’amore per la musica e la dedizione al mestiere.

Nirvana, Eric Clapton, Alanis Morissette, David Bowie, Tori Amos sono alcuni dei nomi che Storytellers internazionale ha ospitato. In Italia le puntate storiche sono quelle con Jovanotti, Giorgia, Negramaro, Subsonica, Ligabue, Marlene Kuntz, Vinicio Capossela, Cesare Cremonini, Carmen Consoli e Ivano Fossati. Ma non ultimo Niccolò Fabi che ha aperto l’edizione dello scorso anno della Music Week Milanese, in uno Storytellers emigrato su VH1.

Sono passati anni da quando Storytellers con Paola Maugeri e Luca De Gennaro non è più un appuntamento abituale delle nostre giornate e un po’ ci manca. Ecco perché questo libro omonimo è una bella occasione per ricordare e ripescare quei momenti pieni di passione per la musica e il farne apprezzare il valore e la qualità.

Il bello era come cercava di trasmettere al pubblico l’idea che “una canzone è arte e poesia, ed è frutto di lavoro. Per ridare alla canzone la dignità letteraria che merita. Perché la canzone pop è stata la forma d’arte più rivoluzionaria e innovativa del Ventesimo secolo e perché una canzone dei Beatles non ha nulla da invidiare a un quadro di Picasso!“.

“Ascoltare i Subsonica in versione acustica, intima, senza ritmi sostenuti e sequenze elettroniche ha voluto dire scoprire la spina dorsale delle loro canzoni, decifrarne la melodia e capire meglio i contenuti letterari”.  – Luca De Gennaro

“Sono convinto del fatto che un’atmosfera sonora particolare rimanga nella registrazione. Ogni canzone ha il suo habitat naturale. I microfoni nell’ambiente sono una variabile che fa parte proprio del suono”.
– Vinicio Capossela

” Un altro libro molto bello me l’ha regalato Bono, il cantante degli U2, è un libro bellissimo di un poeta irlandese che lui ama molto, William Butler Yeats. Mi ha regalato questo libro con una dedica. Lorenzo, where words will take us next?“. – Jovanotti

 

Published by Stefania Barbato

Deeply interested in creativity, communication and electro pop rock sounds.