Come il Growth Hacking fa crescere la startup

Come il Growth Hacking fa crescere la startup

Per chi lavora nel Digital Marketing, growth hacking è una delle locuzioni verbali  più calde da due anni a questa parte. Per approfondire il concetto ho recentemente letto il libro di Raffaele Gaito, blogger, growth hacker e tante cose insieme che è uno dei massimi esperti italiani (anche se vive in Uk) in materia.

Il libro si intitola ”#Growth Hacker Mindset e strumenti per far crescere il tuo business” proprio perché il concetto chiave è che il Growth Hacking è un approccio mentale, una filosofia della crescita. Il growth hacker ha un unico obiettivo: rafforzare la crescita di un business, partendo dai dati a sua disposizione e scomponendo in piccoli passi la produttività fino ad accelerare la vita dell’impresa, portandola verso una vera e propria trasformazione.

Il Growth Hacking pone l’attenzione sul prodotto e sulla sperimentazione di tecniche sui canali di acquisizione in modo da far crescere il volume di affari. Per farlo, occorre qualcuno che deve avere una conoscenza approfondita dell’azienda e proprio per questo motivo, Forbes ha affermato che il growth hacker, per generare realmente valore, dovrebbe essere proprio il CEO di un’azienda. Un CEO intento ad imparare un approccio da utilizzare in qualsiasi contesto e mercato, partendo da qualunque dimensione e condizione aziendale. Proprio per questo Raffaele Gaito specifica che si tratta di mindset.

Dal referral program ai social media, passando per il guest posting, sono due gli elementi di partenza del Growth Hacking: 1) fai leva su quello che già hai; 2) dai qualcosa di valore ai tuoi utenti. E lavorandoci su si può creare un nuovo proprio metodo di crescita, attraverso la strategia e investendo non solo i classici soldi di budget marketing ma anche qualcosa di molto più prezioso: il tempo del lavoro. Se speso bene darà i suoi frutti.

Il primo a parlare di Growth Hacking è stato Sean Ellis, che scrisse un post sul suo blog dal titolo “Find a growth hacker for your Startup” e da allora la strategia si è diffusa.

Oltre a libro consiglio di seguire Raffaele Gaito anche su Linkedin, ogni giorno con delle novità dal mondo del Growth Hacking.

Più libri, musica e creatività sulla Pagina Facebook. Let’s stay in touch!

Share