Il carattere più importante del talento, secondo James Hillman

Il carattere più importante del talento, secondo James Hillman

Dei 100 libri nella wish list di quest’anno quello che più mi incuriosiva era quello di James Hillmanll codice dell’anima” sia perché non sapevo cosa aspettarmi sia per capire come mai l’avessi trovato nella lista dei libri importanti per la carriera.

Iniziato mentre andavo a lavoro, ho finito di leggerlo durante il viaggio a Berlino di questo weekend e mi sono fondamentalmente fatta un’idea di questa teoria della ghianda che James Hillman, psicoanalista americano, sostiene per spiegare la carriera di successo, quasi oltreumana, di determinati personaggi illustri del mondo dell’arte, della politica e non solo. “In queste biografie noi cerchiamo le manifestazioni del destino“, spiega.

Tutto parte dal bisogno fondamentale di recuperare quello che è smarrito: il senso della propria vocazione ovvero che c’è una ragione per cui si è vivi. Uno scopo supremo. Questa vocazione condiziona tutta la nostra vita (per spiegarlo lo psicoanalista riprende miti narrati da Platone e Plotino) e c’è un vero e proprio daimon che ci assiste nella sua realizzazione: una provvidenza che ci guida.

Ed ecco come nella teoria della ghianda di James HIllman, il ruolo (e la responsabilità) dei genitori nell’infanzia, assumono significati in controtendenza rispetto ai canoni psicologici classici freudiani. Diciamo che accettare le nozioni di questo libro vuol dire accettare una dimensione quasi magica di predestinazione ma fortemente intrecciata alla necessità e al ruolo chiave del carattere.

Infatti la teoria di Eraclito del carattere per cui “come conduci la tua vita: tale sei e tale sarai” diventa fondamentale. Non bisogna confondere un dono particolare con la vocazione dell’anima. “Il talento è solo un frammento dell’immagine; molti nascono con il talento della musica, della matematica, della meccanica, ma solo quando il talento è al servizio dell’immagine totale e ha il supporto del carattere adatto quell’immagine si manifesta l’eccezionalità. Molti sono i chiamati, pochi gli eletti; molti hanno quel talento, pochi il carattere che può realizzare quel talento. Il carattere è il mistero; e il carattere è individuale“.

Per rimanere in contatto clicca like su The Vinyl Trip.

Published by Stefania Barbato

Deeply interested in creativity, communication and electro pop rock sounds.